Follow by Email

martedì 1 novembre 2016

Serata d'autunno

La casa è calda e accogliente. 
Si sente ancora quell'odore di buono e di nuovo, che di solito ti regalano le ristrutturazioni. 
Le abatjour illuminano due angoli opposti del soggiorno, dando all'ambiente quell'equilibrio che permette di leggere una rivista, senza sentirsi sopraffatti dalla luce. 
La TV "urla" tutto l'entusiasmo del commentatore sportivo, ovvero il volume è davvero TROPPO ALTO, d'altra parte è risaputo che invecchiando l'udito faccia un po' cilecca. 
Papà è sprofondato nella sua poltrona e segue la squadra di calcio del cuore, che quest'anno non ne vuol proprio sapere di dargli delle soddisfazioni. "Ma dai!! La porta vuotaaaa, cosa ha sbagliato!! LO FACEVO ANCHE IO QUEL GOAL AL SUO POSTO!! LO FACEVO ANCHE IO!!" insiste convinto e rammaricato. 
Mamma, avvolta nella sua vestaglia azzurra, è seduta sul divano e sfoglia la rivista, ogni tanto commentando questa o quella notizia. 
Io, inforcati gli occhiali sul naso, cerco di isolarmi, divorando le ultime pagine del libro, ma in realtà con la coda dell'occhio li osservo...quasi, quasi li spio, per fare scorta delle loro movenze, sospiri, espressioni, in una tranquilla serata d'autunno. Solo loro ed io, noi 3 per una giornata insieme, come se il tempo non fosse passato e si godessero la loro primogenita, ormai 50enne affermata. 
O forse sono proprio io che mi sto godendo loro per qualche ora. 
Eggià, belle sensazioni, da raccogliere e conservare.
Forse mi sto abituando...
- abituando ai miei primi occhiali, fatti a gennaio ma per 9 mesi ignorati in un cassetto, nonostante il discreto investimento economico e la vista sempre più calante; 

- abituando ai figli che diventano sempre più indipendenti e lontani, che viaggiano per le loro strade, ma non per questo meno presenti nella mia testa;
- abituando a considerare papà e mamma "non piu' giovanissimi"...ogni settimana un pò più noiosi ed acciaccati, ma sempre presenti, spiritosi ed attivi.

E così tra varie domande: "Ma Icardi cosa avra' scritto nel suo libro? Cosa avrà da raccontare alla sua giovane età?? Tutt'al più quanti gelati avrà mangiato!"; "La figlia di Kate e William è precisa alla bisnonna Elisabetta! Hai notato?"; "Sembra che giochiamo contro il REAL MADRID! NON LA SAMPDORIA!! Vergogna!" e poi uno sbadiglio, un goal mancato e un "Ahi che male!" questa serata sta volgendo al termine. 
Una bellissima serata d'autunno.
 



giovedì 6 ottobre 2016

CARA FRANCESCA

Cara Francesca,

sono qui al seminario già da alcune ore e la mia soglia di attenzione sta calando vertiginosamente.
La sala è gremita di medici, per lo più fanno sfoggio dei loro rolex e completi impeccabili, non come me che sembro uscito da un discount alimentare. Scommetto che anche le chiavi delle vetture, che hanno in tasca, sono adeguate al ricco conto in banca, non come la mia vespa 125, che mi fa compagnia ormai da una vita e forse è pure la sola compagna fedele che io abbia mai avuto.
L'unica cosa che mi lega a questa moltitudine, oltre alla professione, è l'età: sembriamo tutti dei Matusalemme, che ormai hanno perso di vista, o quasi, la missione a cui si sono votati tanti e tanti anni fa.
Dalla vetrata alla mia destra vedo: il mare, alcune palme che ondeggiana al soffiare del vento, un bandiera dell'Italia che sventola sul pennacchio di una barca a vela, un marocchino che mostra le sue merci adagiate su un lenzuolo, una scolaresca di bambini felici, guidati da una maestra tuttofare e da un'altra, dall'apparenza meno autoritaria, che chiude la fila.
Il sole illumina tutto e sebbene qui ci sia l'aria condizionata, immagino il piacevole tepore che c'è all'esterno.
Meravigliosa primavera! La stagione che preferisco. Quella della vita, quella degli amori.
Ti penso. Forse ti pensavo già da anni, prima ancora di conoscerti e non puoi immaginare la mia gioia, quando ci hanno presentato ed ho realizzato che esistevi davvero e non solo nei miei sogni.
Sono felice. Anzi di più! Sono al settimo cielo e probabilmente di questo seminario, che mi interessava tanto, non mi resterà nulla, se non le parole che sto scrivendo su questo foglio, tanto sono concentrato a pensarti.
Può sembrare sciocco sentirsi così alla mia età, ma che cosa ci posso fare? E' successo ed ora voglio farmi portare da questo entusiasmo, che mi sprizza da tutti i pori della pelle. Ho fin il timore che gli altri qui in sala si accorgano di quello che mi sta succedendo. Fuori c'è un mondo, ricco di cose belle da vivere. Vorrei viverle insieme a te. Non mi illudo che sarà per sempre. So bene che come le stagioni si susseguono inesorabilmente,  primavera, estate, autunno e inverno, così la nostra storia, che sta muovendo i primi passi, conoscerà la maturità e poi piano, piano le passioni si placheranno, per lasciare spazio alle abitudini, ma ti prometto sin da ora, che io per te ci sarò sempre. Anche quando non mi vorrai vedere più. Perchè tutto il bello che costruiremo insieme, mi aiuterà ad essere una persona migliore, mi renderà lieve il cammino e  sarà una parte importante, che resterà indelebile nella mia vita.
Fuori c'è un mondo: vuoi condividerlo con me?

Ti bacio,

                                                                tuo Giacomo




sabato 1 ottobre 2016

Ci sono giorni

Ci sono giorni in cui ti svegli di buonumore e non sai nemmeno il motivo.
Forse perchè è sabato, hai davanti l'intero week end per rilassarti e trascorrere ore liete, oppure è quel pallido sole che fa capolino fra le nuvole, che ti predispone a intravvedere solo cose belle. La giornata prosegue, fra le normali incombenze: lavatrici, qualche rapido lavoretto in casa, spesa al supermercato, un paio di telefonate alle persone a cui vuoi bene, il pranzo in famiglia (anche se qui siamo tutti grandi, oggi menù bimbi: pasta al pesto e cotolette alla milanese!). 
Poi il tempo cambia, il vento di scirocco ti soffia in faccia il salino del mare e le prime gocce di pioggia. Sembra che debba arrivare chissà quale calamità, ma tu sei tranquilla nella tua casetta, pensi alla imminente serata in pizzeria con gli amici, alla festa di compleanno di domani a pranzo (sarà meglio preparare la torta di cioccolato o la torta fredda alla yogurt?), all'ultima canzone che vorresti imparare e saper cantare alla perfezione, ecc. ecc. Chiami un'amica che non senti da tempo, già sai  che le sue giornate purtroppo in questo momento non sono liete, ma hai il desiderio di condividere con lei le sue amarezze, sentirne la voce e la sua piacevole parlantina, dove talvolta vi sono epressioni che non conosci, ma che immancabilmente ti mettono il buonumore.
E' buffo: sono trascorsi più di 40 anni in cui non abbiamo mai avuto una telefonata, un incontro, un augurio di Buon Natale o per un felice compleanno, ma ci sono giorni in cui le cose cambiano. Grazie a te ci si ritrova, nasce un bel gruppo variegato, dove ognuno porta il suo valore aggiunto (chi il tacco 12, chi la saggezza, chi le doti da muscisita, chi la dolcezza, chi l'acume, chi un sorriso, chi la sua simpatia....) e così in una giornata che è diventata di pioggia, con il cielo affollato di nuvole, vorrei poterti essere vicino. per abbracciarti e farti sapere che ci siamo tuttti, ognuno a suo modo, per sostenerti e non farti sentire sola. 
Ci sono giorni in cui tornerà il buonumore  ("stato d'animo euforico che di solito tende a comunicarsi agli altri") che ti contagerà.

martedì 27 settembre 2016

BUONANOTTE E COSE BELLE

"Buonanotte e sogna solo cose belle!"
"Fosse facile! Se sapessi come fare non esiterei un momento."
"Dai, non è difficile! Allontana le tensioni della giornata, rilascia i muscoli del tuo corpo, compresi quelli del viso, pensa alle cose che più ti piacciono..."
"Tipo vincere alla lotteria? O comperarmi quella Harley Davidson a cui penso da oltre 10 anni?"
"Secondo me ognuno deve dare sfogo alla sua fantasia e più allarghi gli orizzonti e più funziona. Ti faccio un esempio. Ti ricordi il primo film di Indiana Jones?"
"Eccerto, parli de "I predatori dell'arca perduta", bellissimo!"
"Si, bellissimo come il protagonista. All'epoca era un figo spaziale, impavido ed avventuiriero, tutto muscoli e pure cervello! Non come altri, tutte chiacchiere e distintivo..ihihih
Una sera prima di addormentarmi ripensavo al film (allora lo avevo visto 3 volte, adesso che sono passati una marea d'anni lo avrò visto almeno altre 20 volte) e pensa che ti ripensa...sai che cosa mi è successo? Ho sognato che uscivo con Harrison Ford!"
"Ma dai, che forte!"
"Mi portava in giro facendomi da Cicerone e poi, ad un certo punto, si blocca, smette di parlare, mi guarda dritto, dritto negli occhi e mi abbraccia! Ero davvero al 7° cielo!! Stavo li a sentire il calore di quelle braccia forti, che mi stringevano, pensando che non potesse esserci nulla di più bello!"
"Ellallà! Niente male davvero..."
"E senti che fa poco dopo: mi sussurra all'orecchio parole dolci e poi mi bacia con passione."
"Ahahah, ma cosa avevi bevuto prima di andare a dormire?"
"Con assoluta certezza ti rispondo che non avevo bevuto proprio un bel niente! E comunque al mattino mi ero svegliata così di buon umore, che mi sembrava ancora di sentire il sapore di quel bacio. Da allora  penso sempre che valga la pena di addormentarsi pensando solo a cose belle!!"
"Ahahah. Proverò, ma non sono così fiducioso che funzioni"
"Prova, prova. Non è detto che funzioni al primo tentativo, ma se pensi a cose belle, ti addormenti più sereno e poi vedrai....il sonno farà la sua parte!"
"Bah, vedremo..."
"Io ad esempio mi sono addormentata pensando al budino al cioccolato con la panna montata, al vento che ti accarezza il viso quando scii in una bella giornata di febbraio, al tepore del primo sole di primavera sulla pelle, al suono delle cicale nelle calde giornate d'estate, ai regali sotto l'albero di Natale, quando si è piccoli e si ha la convinzione che Babbo Natale sia appena transitato da casa tua..."
"Secondo me tu sniffi, ahahah"
"Ancora no, ma chissà... e poi sognare ad occhi aperti non costa nulla e giova all'umore.
Figurati quando hai gli occhi chiusi!!"
" AH AH AH :-) allora buonanotte! E tante cose belle!!"

mercoledì 14 settembre 2016

VECCHIO BALORDO E INGENUO

Si, si, lo so, dicono tutti che sono un vecchio balordo e ingenuo, credi che non lo sappia? Ma non mi importa, non me ne faccio nulla dei commenti della gente. E poi che gente! Fra invidiosi, curiosi e rompipalle, non so chi sia peggio. Che dicano e pensino ciò che vogliono. Tanto io sto con Irina e non me la porta via nessuno. Almeno finchè io starò al mondo. Poi succederà quello che succederà: quando io non ci sarò più, lei sarà libera di fare ciò che vuole. Anche risposarsi. Ma adesso sta con me e mi ha davvero ridato la vita!

Lo so io come mi sentivo, sempre solo in questa che era diventata una lurida casa, dove ogni cosa mi metteva solo tristezza. Non avere avuto figli è stato un grandisimo dolore. E Letizia non ne ha voluto sapere di adottarne...poverina...a ripensarci oggi, a distanza di 20 anni, capisco che il peso per questa nostra difficoltà per lei deve essere stata ancora più tremendo e insopportabile, di quanto lo sia stato per me. In fondo io mi sono buttato a capofitto nel lavoro e pian piano ho ritrovato un po' di sapore per la vita, ma lei...dalla depressione non ne è più uscita, nonostante gli sforzi che ha fatto, insieme a me ed ai medici e psicologi che l'hanno sostenuta. Sarò stato cinico, ma quando ci siamo separati ho provato davvero un senso di liberazione...non ne  potevo più vedermela fra i piedi.
E poi diciamolo: mi illudevo che a 50 anni, ancora di bell'aspetto e con una discreta posizione, non avrei avuto difficoltà a rifarmi una vita. Invece...proprio un bel niente....mi sono beccato una facciata dopo l'altra, per oltre 15 anni. Mi sono sentito insultare da tutte con i più svariati appellativi: superficiale, egoista, taccagno, sfigato, una persino dell'impotente mi ha dato! Per forza poi uno si avvolge di tristezza, che ti ricopre come la polvere, proprio come stava succedendo alla mia casa, che ormai sapeva solo di muffa.

"Prenditi un cane!" mi dicesti. Mai consiglio fu più azzeccato di questo! In fondo sei stato tu l'artefice della mia felicità...e di questo te ne sarò sempre grato, amico mio.
Lilli era un barboncino color miele, che emanava dolcezza, proprio come il nome che avevo scelto per lei. Una ventata di novità (e chi aveva mai avuto un cane prima di quello?) affetto, invexendo, nuovi stimoli per uscire e stare all'aria aperta. Ben ricordo le prime sere d'inverno in cui il freddo e la pioggia mi inibivano  qualsiasi iniziativa a prendere l'uscio di casa, ma poi...guardavo quel musetto delizioso, che senza parlare mi diceva tante cose e... via a prender il guinzaglio e a girare, Lilli ed io, anche incuranti delle avverse condizioni del meteo.

E proprio ai giardinetti ho incontrato Irina, un soleggiato mattino d'inverno. Faceva la badante ad una vecchietta triste e silenziosa, che era imbacuccata all'inverosimile. Irina si è entusiasmata davanti alla mia Lilli, che ha cominciato ad accarezzare con piacere. E la piccola Lilli se ne stava li, tutta scondinzolante a prendersi quelle coccole inaspettate.Così, settimana dopo settimana,  abbiamo cominciato a conoscerci e pure la vecchietta si è affezionata alla mia Lilli.

Quando Irina è rimasta senza lavoro non ci ho pensato su un attimo: l'ho subito invitata a cena fuori. Non certo un ristorante di lusso, non volevo che si sentisse a disagio, ma una accogliente trattoria in centro, dove si mangia bene ed il servizio è semplice, ma curato. Indossava un vestito rosso,  che mi impediva di toglierle gli occhi di dosso e che faceva risaltare il suo incarnato chiarissimo. Lei all'inizio era un po' in imbarazzo, si capiva da come continuava a giocare con il tovagliolo, ma piano piano si è rilassata ed ha cominciato a ridere. Un sorriso bellissimo. Ed era bellissima anche lei.

Dopo 6 mesi ci siamo sposati! Si, solo dopo 6 mesi, nonostante tutte le proteste di mia sorella, dei miei nipoti e di tutti quelli che insistevano: "Cosa ci può trovare una russa di 40 anni in un vecchio balordo di 68?".Ma poi cosa deve interessare alla gente, invidiosa, curiosa e rompipalle? D'altra parte dopo la separazione da Letizia, anche per la legge italiana ero un uomo libero. E da 2 anni sono felice di non esserlo più.

sabato 20 agosto 2016

La vita è adesso

Il mare borbotta rumorosamente, mentre una densa spuma bianca appare e scompare repentina, dopo che le onde si infrangono sul bagnasciuga.
Il vento che soffia mitiga il calore dei raggi del sole, ora allo zenit, mentre da ponente nuvoloni, che sembrano di panna, si avvicinano minacciosi.
Il mare brilla, diviso in due tinte affiancate, turchese verso la spiaggia e blù scuro verso l'orizzonte. Due bambini giocano con l'acqua, una signora spalma la crema fluida e profumata, sulla pelle già abbronzata, una coppia di 30enni cammina teneramente, mano nella mano, sulla spiaggia sassosa.

Un signore abbronzatissimo, sovrappeso e non più giovane, accende l'ennesima sigaretta, accompagnata da forti colpi di tosse, che suggerirebbero di passare ad altro passatempo.
I treni vanno e vengono alle mie spalle.
Le note di una canzone alla radio, mi riportano al passato, ad una vita che quasi non riconosco più come mia, tanto è il tempo trascorso. E anche allora gioie, dispiaceri, entusiasmi, aspettative, alcune realizzate altre deluse. Con la maturità per fortuna almeno una marcia in più c'è davvero: vivo intensamente ogni giono, ogni attimo, planando sulle cose dall'alto, cercando di allontanare le pietre che a volte ti schiacciano. Non sta succedendo nulla di particolarmente interessante, ma questo incanto di natura ammalia ed ipnotizza: si potrebbe stare ore ed ore a bearsi di tanta semplicità.

Insomma...la vita è adesso!







 
 

CI RISIAMO

Qualcosa nel modo in cui camminava  aveva una nota ipnotica, che  incantava gli occhi di chi, distrattamente, li posava sul suo incedere. Sembrava una leonessa che, passo dopo passo, assorta nei suoi pensieri, procedava fiera per la sua strada, incurante di quanto succedesse intorno: un bimbo che faceva un capriccio col nonno, una giovane coppia che passeggiava mano nella mano,  un automobilista che inveiva contro un altro.
Fra sè e sè pensò: "Ci risiamo!".
Il tempo era trascorso velocemente e si trovava di nuovo li, in balia degli eventi e soprattutto della malinconia, compagna fedele delle sue giornate. Detestava l'estate.
Le vacanze si stavano avvicinando a spron battuto e lei non aveva ancora la più pallida idea di dove trascorre quei 15 giorni estivi, oggetto di sogni, desideri e aspettative, da almeno tutti i 6 mesi precedenti.  
La maggior parte dei suo amici e colleghi erano infervorati per questa o quella meta, alcune davvero affascinanti, mentre lei vedeva davanti a sè solo un tunnel, dove camminava da mesi, senza vederne mai l'uscita;probabilmente  se avesse maturato l'idea di "arredarlo" quel tunnel, così come aveva letto in una vignetta su facebook, sarebbe stata meglio.
A essere sinceri di opportunità ne aveva più d'una: Barbara l'aveva invitata nel suo bilocale in Sardegna, Nicolò, come ogni anno, le metteva a disposizione una stanza nella grande casa di Courmayeur, sempre affollata di amici,  e Mauro continuava a pressarla, affichè trascorressero insieme almeno 4 giorni, in una delle più rinomate località della costa azzurra. Nonostante ciò, non sapeva da che parte girarsi, ma probabilmente era più nella sua vita che doveva fare ordine, piuttosto che nei programmi estivi.
Mauro la corteggiava ormai da mesi, era cortese e galante, ma accidenti, a lei proprio non piaceva. Non le suscitava alcuna emozione, se non un leggero aumento della propria autostima, davvero un po' poco per poter ambire a qualcosa di più.
In cuor suo sapeva esattamente cosa desiderare: sarebbe stata volentierissimo anche a casa, purchè con la persona giusta. Ma la persona giusta non c'era e a dirla tutta, non la intravvedeva nemmeno all'orizzonte.Molti anni prima aveva avuto un amore sereno e spensierato, con cui aveva condiviso una estate di lavoro, nelle rispettive occupazioni, con la gioia e la consapevezza di ritrovarsi ogni sera e fare sempre cose piacevoli insieme. Una cena romantica, un ballo improvvisato in ufficio, al suono di quella dolcissima canzone che entrambi adoravano, un aperitivo in riva al mare, un cinema all'aperto, durante il quale lei rimaneva incollata allo schermo, mentre lui non le toglieva gli occhi di dosso, una sagra di campagna con tanto di banda musicale, una gita in moto senza meta, solo per il piacere di stare insieme, vicini, vicini, un giro in città sul bus dei turisti, confondendosi con francesi, spagnoli e tedeschi sbarcati dalla nave da crociera....e così via. Non avevano fatto un giorno di ferie, al di fuori dei week end, ma era stata una estate meravigliosa per entrambi.
La notte poi, dormivano abbracciati, alternando le ore di riposo, a intensi incontri di sesso, che non lasciavano alcun dubbio sul fatto che tra di loro vi fosse una intesa perfetta.
Ma come tutte le belle cose era durata poco.
Alla fine di settembre lui era stato trasferito all'estero e, nonostante i primi tempi avessero provato a coltivare quella relazione, la distanza e le difficoltà avevano giocato a sfavore e non erano riusciti ad arrivare a mangiare il panettone insieme.
Ecco cosa desiderava: non solo emozioni, ma avere certezze e cose semplici da condividere, giorno dopo giorno. Tanto per ritornare sul tema culinario: sapere che avrebbe mangiato insieme allo stesso uomo il panettone a Natale, la colomba a Pasqua ed il gelato d'estate.
Terminate tutte queste riflessioni, nuovamente pensò "Ci risiamo!". Prese il romanzo che stava leggendo e, da sola, si sedette al Bar del Porto e ordinò un gelato.